Home »  Curiosità » Il couscous: pace e amore!

Curiosità

clicca per visionare l'immagine ingrandita

Il couscous: pace e amore!

Data la lunga tradizione di questo piatto, che ha origini berbere, è facile immaginare quante storie e leggende vi girino intorno, tanto più che gli arabi, in fatto di storie e leggende sono davvero insuperabili, basti pensare a Sherazade ed alle "Mille ed una notte". La leggenda che a quanto pare piace di più ai siciliani e soprattutto ai palermitani, che nella preparazione di questo piatto sono davvero maestri, è quella che ne fa risalire l'origine alla corte di Re Salomone. Si racconta infatti, che Re Salomone si struggesse d'amore per la Regina di Saba, e che così forti fossero le sue pene da renderlo insonne, infelice ed assolutamente inappetente, e quindi incapace di governare. Ed ecco che entra in gioco il cuoco di corte, che non potendo più sopportare di vedere il suo re in tali condizioni, prese a preparare, con grande amore e dedizione, un impasto di semola e spezie, tra cui il cumino, che si diceva avesse la proprietà di stimolare l'appetito. Si racconta ancora che Re Salomone, non seppe resistere al profumo di questo piatto e che lo divorò in un battibaleno riacquistando vigore, tornando quindi a governare in pace. Da allora il couscous è divenuto per il mondo arabo simbolo di amore e pace.
Un'altra leggenda, parte di un libro che amo molto, "Alla tavola di Jasmina", racconta di come il couscous sia arrivato in Sicilia. Jasmina, narra che a Palermo viveva un mercante, davvero intelligente e furbo, che aveva fatto la fortuna della sua locanda investendo tutto sull'esperienza che viene dalla conoscenza del mondo. Durante la sua giovinezza Hassan, il mercante, aveva viaggiato molto e dai suoi viaggi aveva acquisito il più possibile delle tradizioni dei posti che aveva visitato, tornando in patria aveva portato con se varie ricette rubate ai cuochi di mezzo mondo e le aveva fatte sue, infine le donne che si occupavano della sua cucina le avevano rese indimenticabili. Chi metteva piede alla locanda di Hassan, non era mai sazio della sua cucina...
Hassan, conscio di quale fosse la fonte della sua ricchezza, non ebbe pace sin quando anche i suoi figli non intrapresero la sua stessa strada e cominciarono le loro peregrinazioni alla scoperta di nuovi mondi e gusti. Ci aveva visto lungo davvero Hassan... infatti si deve proprio ad uno di questi suoi figli, tornato dalla Tunisia, la ricetta del couscous, che veniva preparato con dei granelli di semola cotta a vapore all'interno di una pentola forata di terracotta, sotto i quali, veniva nascosto un succulente pezzo di carne. Il tutto veniva poi servito accompagnato da varie verdure speziate e dall'harissa, una salsa molto piccante a base di peperoncini, che davvero risvegliava l'appetito. La fortuna di questo piatto si deve al fatto che Ruggero I° D'Altavilla, sovrano di mentalità molto moderna, ne fosse assolutamente innamorato.
Del couscous esistono innumerevoli varianti, in pratica quello che è accaduto nel corso degli anni è che la ricetta originale è stata adottata dalla cucina di numerose località, piegandola un po' alle caratteristiche dei luoghi, per cui esiste oggi, oltre al couscous di carne, quello di pesce così come quello vegetariano. Potremmo dire con una definizione dei giorni nostri, che il couscous è stato il primo piatto globalizzato ma anche camaleontico.
Quello che è certo, è che oggi come allora, la preparazione di questa pietanza necessita di una buona dose di calma e pazienza nella mescolazione della semola, le quali possono essere frutto solo dell'amore per la buona cucina...

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre novità.

La Muciara Piazza 'Ngonia - 98057 Milazzo
Tel. 090/9221015 - Cell. 380/1013811
Partita IVA: 02665730830
E-mail: info@muciara.it