Home »  Curiosità » San Martino

Curiosità

clicca per visionare l'immagine ingrandita

San Martino

IL PATRONO DEL VINO:


Un uomo onesto un uomo probo, si innamorò perdutamente, di una che non lo amava niente”, così canta De Andre' in una sua famosissima canzone che io ho deciso di piegare alla mia necessità, perché il nostro Martino, fu di certo un uomo onesto e probo, il quale però si innamorò perdutamente, ancora più che di una donna, di una rossa bottiglia di vino, che ben poco ricambiava la sua passione, dal momento che in un eccesso di goduria lo portò alla morte...


Ragazzi, sto per distruggere una leggenda!!! Davvero però non ero mai riuscita a trovare il legame tra il probo ed onesto San Martino della tradizione, che cede metà del suo mantello ad un povero e l'inebriante vino novello, che l'undici novembre di ogni anno stappiamo. Ebbene c'è un altro San Martino!!! Magari molti di voi lo sapevano già, ma per me è stata davvero una gran sorpresa.


Gli abruzzesi che in simpatia, amore per il buon cibo ed il bere sano non sono di certo secondi a nessuno, raccontano di un Martino ben diverso da quello noto a tutti e la cui storia ogni anno, a partire dalla scuola materna, ci viene raccontata. Un Martino meno probo ma forse più simpatico... un uomo comune, un debole che come scopo della sua vita ha il bere e che per bere si scorda qualsiasi cosa. Allora voglio raccontarvi questa storia così come la racconterei a mio figlio, non chiedetemi come potrei spiegargli che troppo vino fa male ma che poco ti può solo fare bene, perché davvero non lo so...


C'era una volta un uomo che ogni notte usciva per andare ad ubriacarsi con i suoi amici ed ogni notte ebro e puzzolente di vino tornava a sdraiarsi accanto a sua moglie, ma una notte di pieno inverno dopo una bella nevicata, il freddo lo colpì al cervello e lo fece ragionare. Martino si rese conto che probabilmente non era molto carino andare a coricarsi, maleodorante per il troppo vino, accanto a sua moglie, che poverina essendo incinta soffriva già abbondantemente di nausee immotivate. Insomma questo “pover'uomo” preso da un attacco di bontà decise di andare a dormire in cantina e per restare in tema si sdraiò dietro una bella botte. La notte era davvero fredda però, e Martino da quel sonno non si svegliò mai più. Quando la sua anima giunse davanti a Dio, quest'ultimo impietosito dal fatto che fondamentalmente era morto per non far del male alla moglie, decise di farlo santo e di risarcire in qualche modo la povera donna. Da quel giorno la botte in cantina non smise più di produrre vino, più la donna ne spillava più la botte ne produceva. La donna quasi divenne folle cercando di capire che cosa stava succedendo, così chiamò in aiuto il parroco del paese che cominciò a studiare la botte in lungo ed in largo, insomma gira che ti rigira il parroco trovò il corpo del povero Martino dietro la botte ed indovinate …nella bocca di Martino era spuntata una vite e quella vite aveva penetrato la botte ed aveva prodotto l'uva che miracolosamente da sola diventava vino... Il parroco stesso asserì che solo un santo poteva aver fatto un miracolo del genere e fece in modo che in quel luogo fosse costruita una chiesa, da quel giorno San Martino divenne il patrono del vino.


Avete visto che una ragione chiara ci doveva pur essere per cui solo San Martino viene collegato al vino novello!...Ad ogni modo, morale della favola: il troppo stroppia!!! Come in tutti i campi d'altronde...ma un buon bicchiere di vino rende il pasto certamente più gioioso.“Nunc vino pellite curas” (ora cacciate gli affanni col vino!) dice Orazio nelle sue odi, insomma senza demonizzare o divinizzare niente, su una bella tavola imbandita non può certo mancare un buon bicchiere di vino!!!


 


Santina Rubino


 


                                                                      


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


Santina Rubino


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre novità.

La Muciara Piazza 'Ngonia - 98057 Milazzo
Tel. 090/9221015 - Cell. 380/1013811
Partita IVA: 02665730830
E-mail: info@muciara.it